8 marzo

L(‘)OTTO tutto l’anno – anche il 7 marzo.

foto5

Oggi pomeriggio abbiamo iniziato i festeggiamenti per il nostro 8 marzo, in nome del nostro diritto all’autodeterminazione.

Pillole comunicative e kit del piacere contenenti preservativi-lubrificanti-anello vibrante sono stati distribuiti davanti alla Farmacia S. Antonio, arcinota nella città di Bologna perché – nonostante si trovi di fronte all’Ospedale S. Orsola, e in particolare al Pronto Soccorso ginecologico – recidivamente e ideologicamente sprovvista di pillola del giorno dopo e preservativi.

foto8

In tant* ci siamo dat* appuntamento per agire il nostro legittimo diritto alla salute sessuale, ad una giusta contraccezione e una corretta informazione, alla scelta delle modalità e dei tempi della nostra sessualità, a decidere sui nostri corpi. Abbiamo voluto denunciare il sistematico attacco all’autodeterminazione che illegittimamente compiono medici e farmacisti che si dicono pro-life, ma sono no-choice perché contrastano la nostra libertà di scelta. Ricordiamo loro, ancora una volta, che la pillola del giorno dopo e quella dei cinque giorni dopo – Norlevo e Ellaone – sono farmaci contraccettivi e di emergenza, non abortivi, secondo definizione della stessa Agenzia italiana del farmaco (Aifa); e che il nostro ordinamento giuridico  non prevede alcuna forma di obiezione di coscienza per i farmacisti.

Decidiamo noi se e quando ci serve un contraccettivo di emergenza e in quale momento vogliamo trovarlo in ogni farmacia: è un nostro diritto averlo, è un obbligo dei farmacisti farcelo avere.

Oggi davanti alla farmacia S. Antonio, domani in corteo e tutti i giorni respingiamo l’attacco mirato ai corpi delle donne e delle soggettività lgbtqi, soprattutto se precarie e migranti e ribadiamo il nostro diritto alla libertà di scelta. I tagli al welfare e al servizio pubblico erodono diritto a salute e autodeterminazione di tutte le soggettività.

* vogliamo il diritto ad una piena vita e salute sessuale

* vogliamo l’abolizione dell’obiezione di coscienza prevista dall’art. 9 della legge 194/1978

* vogliamo consultori laici per il benessere e la salute sessuale aperti 24h per tutt*

* vogliamo i contraccettivi d’emergenza presenti sempre in ogni farmacia senza prescrizione medica

* vogliamo contraccettivi gratuiti, vogliamo lubrificanti di prima qualità.

* vogliamo i cosiddetti movimenti pro-life fuori da scuole-ospedali-farmacie

* vogliamo autonomia decisionale per tutti i trattamenti che medicalizzano i nostri corpi

foto1

Lo affermiamo con le nostre proteste oggi e domani a Bologna, così come a Perugia, Roma, Torino, Milano, Padova e in altre città ancora.

I nostri corpi dicono #noidecidamo.

#8marzo #iodecido #transfeminismisnow

Domani ci diamo appuntamento con #MujeresLibres in piazza Ravegnana alle 16.30 – contro l’obiezione di coscienza, per l’autodeterminazione dei corpi, per una piazza ricca di contenuti e di soggettività differenti.

Ringraziamo il Cassero per averci fornito i kit con preservativi-anelli-lubrificanti.

Collettiva XXX

FOTO7

 foto3